LO STOLTO

Gli indicavo la Luna e vedeva il dito
Gli indicai il cielo e vedeva ancora il dito
Gli indicai le montagne e vedeva sempre il dito
“Il dito, il dito” continuava sempre a dirmi
“ Il dito, dall’occhio, toglimi il dito dall’occhio”